Per il regolamento della Festa di S.Agata

Il Comitato per la legalità nella festa di S.Agata
composto dalle associazioni Addio Pizzo, Catania possibile, Centro Astalli, Cittainsieme, Fondazione Giuseppe Fava, Libera, Mani Tese Sicilia, MOVI (Movimento volontariato italiano), Pax Christi

Augura

a tutti i cittadini e ai fedeli catanesi una felice festa in onore della santa Patrona. La festa di S.Agata è ormai diventata una delle più grandi della cristianità, sia per la sua bellezza, sia anche per la grande partecipazione popolare

Ricorda

ai cittadini che purtroppo, per un evento così grande, ancora non esiste un regolamento scritto che definisca tempi e modi della festa. Tutto è affidato a una tradizione, che andava bene prima che la festa divenisse un fenomeno di così grandi proporzioni. L’assenza di un regolamento spiega in buona parte i continui ritardi nei tempi delle celebrazioni, ritardi che causano grande disagio nella popolazione. In questa situazione, è difficile anche controllare venditori ambulanti illegali, fuochi non autorizzati, e perfino scommesse illegali. Una situazione del genere, inoltre, permette che la criminalità organizzata tenti di controllare la festa, argomento di cui si tratta in un processo in corso in questi giorni. Non si sa, per di più, a chi appartenga legalmente il fercolo e questo pone anche problemi di responsabilità civile, in caso di incidenti

Riconosce

che la Chiesa, il Comune e le forze dell’ordine hanno recentemente operato alcuni cambiamenti per migliorare le celebrazioni, come comunicato alla cittadinanza nel corso del proficuo incontro tenutosi presso il Museo Diocesano il 12 dicembre 2009. Ma questo ancora non basta.


Il Comitato per la legalità nella festa di S.Agata

Chiede

che il Comune, la Chiesa e le forze dell’ordine si assumano nel più breve tempo possibile il compito della definizione di un regolamento che indichi in maniera chiara le responsabilità, i tempi e i modi della celebrazione, così da permettere un sereno e ordinato svolgimento della festa più importante per tutti i catanesi.

Clicca qui per stampare e diffondere il volantino!